Detto anche il terzo diaframma, è costituito da un complesso sistema muscolo-legamentoso che funge da rubusto pavimento contenitore degli organi e in grado di dilatarsi ed espandersi (le donne durante il parto ne sono la dimostrazione).

Molta gente non conosce l’esistenza del diaframma respiratorio, ancora di più si ignora la presenza di un diaframma pelvico.

Attraverso il diaframma pelvico(D.P.) passano degli organi importanti come i tratti terminali dell’apparato digerente, urinario e genitale, quindi i muscoli del D.P. dovranno avere una certa mobilità per permettere le modificazioni di volume dei suddetti apparati che avvengo fisiologicamente durante la defecazione, la minzione e durante i rapporti sessuali (per non parlare della dilatazione che avviene durante il parto nella donna).

I muscoli del D.P. devo soddisfare anche la funzione di contenitore e di sostegno degli organi pelvici e per questo serve una muscolatura forte e resistente.

Da quanto detto si evince che il D.P. deve svolgere due compiti in contrasto tra loro, contenere e lasciar passare, quindi deve formare una parete solida ma flessibile, da qui l’importanza di eseguire esercizi specifici per rinforzare ed elasticizzare la muscolatura del D.P.

Anche le parti del corpo più nascoste e sconosciute vanno allenate ed allungate, questo lo sanno bene i Taoisti (vedi il tao del sesso) che consigliano l’esercizio del daino, gli yogi, gli insegnanti di Pilates, i cultori di arti marziali ecc, che tutti per un motivo posturale o energetico, lavorano il Diaframma Pelvico.

Leave a Reply

Your email address will not be published.