Lo sportivo consapevole

Sportivo Consapevole

Ho passato molti anni praticando diversi sport e ho avuto a che fare con molti sportivi, anche professionisti.

Gli sportivi che fanno uno sport fatto bene sono POCHISSIMI, anzi, potrei dire una razza molto rara, e secondo me anche molto preziosa”.

Ok, adesso devo spiegare cosa intendo con Sport Fatto Bene.

Però lo faccio partendo dallo sport fatto male, che è quello che fa la maggior parte delle persone.

Lo sport fatto male è:

  1. quello che fai con l’unico scopo di guardare il cronometro, il peso o il tuo obiettivo/record personale, perché devi dimostrare a te stesso e agli altri che sei forte;
  2. quello dove abbassi la testa e ti alleni come un mulo che tira un carro pieno di letame, senza pensare a come ti stai allenando;
  3. quello che "se ti fai male fa parte del gioco” e "se non ti rompi non ti stai impegnando abbastanza";
  4. quello che quando ti fai male non ti fermi perché hai paura di perdere l’allenamento e peggiorare;
  5. quello che pensa che “chi si ferma è perduto”, bisogna allenarsi, allenarsi, allenarsi e crede che il recupero sia un perdita di tempo;
  6. quello che crede di essere forte ma non conosce il suo corpo perché non l’ha mai ascoltato (posso assicurarti che ha molto da dirti);
  7. quello che soffre di crampi ma “non fatemi bere che l’acqua mi fa schifo e non fatemi fare stretching che è una perdita di tempo;
  8. quello che lo stretching non è importante, "quello che conta è darci dentro";
  9. quello che “per me lo stretching sono quei venti secondi in cui sto tirando il tallone verso la chiappa";
  10. quello che "mi fa male il fegato, dolori intercostali, ho il reflusso, mi viene il vomito, ho il fiato corto, vado in affanno", ma quando gli chiedi “come sta il tuo respiro?” la risposta è “benissimo grazie! il respiro è apposto, è solo che non riesco a respirare";
  11. quello che pensa al respiro solo in termini di aumento della capacità aerobica e continua correre come se non ci fosse un domani nella speranza di migliorare ma si trova con meno fiato perché non conosce l'importanza del ripristino del respiro naturale.

Se non ti bastano questi 11 punti potrei aggiungerne altrettanti, ma preferisco dirigermi verso le soluzioni.

Sono d’accordo con te che bisogna darci dentro, che è importante darsi degli obiettivi e cercare con tutte le forze di raggiungerli e magari anche di superarli.

"Per migliorare è necessario arrivare al limite... ma non con la testa bassa tirando il carro pieno di letame, perché tu non sei un mulo!"

C’è un modo più intelligente di utilizzare la tua forza fisica e la volontà. Perché continuare a bruciare energie inutilmente quando puoi adottare delle strategie intelligenti per rendere di più a parità sforzo?

Come rendere di più a parità di sforzo

Vuoi esprimere tutto il tuo Potenziale? Diventa uno Sportivo Consapevole!

Cerca il limite con intelligenza, utilizza un metodo, impara ed esegui la tecnica corretta, ascolta il tuo corpo, respira nel modo corretto, mantieni il tuo corpo elastico e flessibile, alimentati e idratati nel modo giusto e recupera.

1. Come prima cosa, in base allo sport che pratichi, fatti consigliare da un Esperto del tuo sport per programmare al meglio il tuo allenamento. L'allenamento deve seguire dei cicli precisi, se lavori a caso, sarà un caso anche il tuo eventuale miglioramento.

2. Fatti controllare mentre esegui il gesto e fatti correggere tecnicamente. Eseguire la tecnica in modo scorretto, oltre a farti sprecare energia, ti porta anche a una rapida usura del corpo.

3. Usa la testa e non solo il corpo, rispetta i limiti del tuo corpo e cerca di migliorarti gradualmente.

“Bruciare le tappe ti porta a risultati veloci nel breve termine e a danni irreparabili nel lungo termine"

4. Fai Allungati e Respira!

Ora cerco di trasmetterti nel modo più semplice e veloce possibile, perché è così importante imparare a considerare l’Allungamento Muscolare e la Respirazione, parte fondamentale dell’allenamento.

 Allungamento Muscolare

Un muscolo per esprimere tutto il suo potenziale di forza, deve potersi muovere lungo tutto il suo arco di movimento.

Se un muscolo è corto, contratto e rigido, avrà un’escursione limita del suo movimento e questo porta a due problemi:

  • sei sempre sulla soglia dell’infortunio, perché le tue articolazioni vivono costantemente sotto pressione e i tuoi muscoli, oltre ai crampi, sono a rischio stiramento e strappo perché agiscono come un elastico vecchio e secco, che quando lo tiri si spezza;
  • consumerai molta più energia, come un auto che vuole andare a tutta velocità con il freno a mano tirato e la cosa interessante è che con muscoli perennemente tesi e contratti consumi energia anche quando sei a riposo e non hai mai un reale recupero, che è fondamentale per migliorare le performance.

Inoltre, avere muscoli corti e rigidi ti porta a scompensi posturali, il corpo piano piano si deforma e comincia a lavorare male (come un ingranaggio che piano piano perde il suo allineamento perfetto), andrai incontro ad usura articolare e presto ti ritroverai bloccato.

I Grandi campioni (a parte qualche caso di super mulo che arriva a vincere qualcosa per poi sfasciarsi e uscire dai giochi per sempre), sono forti, tecnici e anche molto sciolti, hanno un corpo ben allineato e prestano molta attenzione ad allenarsi ma anche a preservarsi.

“Sono pochi gli atleti con una lunga carriera, la maggior parte danno tutto in pochi anni, finché il fisico resiste e spesso finita l’attività agonistica si trasformano in tanti Homer Simpson che ricordano le medaglie vinte in passato"

Respirazione

Quanti sono gli sportivi che dedicano tempo e attenzione a migliorare la propria respirazione?

Molti meno di quelli che dedicano tempo all'Allungamento muscolare! Quindi una rarità.

Solitamente quando non hanno fiato, si allenano di più, cercano di migliorare le “capacità aerobiche”, ma mai nessuno gli ha detto che forse per migliorare il Respiro bisogna prendere in considerazione anche e soprattutto quei muscoli che ti permettono di respirare bene.

E’ sempre il concetto del mulo che tira il carro pieno di letame, testa bassa e darci dentro così migliora anche il respiro...  non funziona così!

Prova invece a fermarti, controlla se hai un diaframma libero, controlla come respiri, controlla se tutto il tuo sistema di respirazione è libero e funziona bene, e se trovi che non funziona bene, lavoraci direttamente con gli esercizi giusti! E’ un’altra forma di allenamento specifico.

La maggior parte degli sportivi respira dalla bocca e quando gli dico di abituarsi piano piano a respirare dal naso mi rispondono che così devono rallentare e gli sembra di tornare indietro, di peggiorare…

Oppure mi dicono di essere preoccupati perché quando vanno sotto sforzo, sentono male al fegato... ma anche questo è spesso dovuto da un uso sbagliato della respirazione per porta ad un irrigidimento del muscolo diaframma.

Insomma, questi sportivi si trovano con: affanno, fame d’aria, dolori intercostali, dolori di stomaco, acidità, cali di performance, problemi respiratori di tutti i tipi...  e la no voglia di prendere 15 minuti per fare esercizi specifici di Respiro e Allungamento che li farebbero volare, oltre a donargli salute e benessere!

Sbaglio o la maggior parte delle persone dice di avvicinarsi allo sport per migliorare il proprio stile di vita?

Da Sportivo Devastato a Sportivo Consapevole

Lo sportivo è davvero una razza strana, vuole i risultati ma non è disposto a fare quelle cose intelligenti che lo portano ad ottenere i migliori risultati facendo meno fatica e preservando il fisico.

Così non è più "faccio sport per la mia salute", così è "faccio sport perché in qualche modo voglio auto-punirmi". Questo modo di fare sporto diventa sinonimo di DEVASTAZIONE!

Capisco lo spirito agonistico, ci sono passato anche io e ne porto ancora i segni, anche adesso mi capita di darci dentro a testa bassa in alcune cose, di metterci la grinta e la determinazione, guai se non fosse così.

Lo faccio perché sento la spinta, perché mi piace, perché amo le sfide e così a volte mi devasto e lo sportivo lo sa che quella devastazione ha un gusto particolare, non lo nego.

Ma poi torno a casa e mi prendo il tempo per rimettere apposto il sistema: libero il respiro, allungo il corpo, lo rimetto in asse.

E non lo faccio solo quando mi devasto, lo faccio ogni giorno, come pratica costante.

Questo mi porta a mantenere un buon equilibrio fisico, tengo sotto controllo gli acciacchi che ho causato in passato ed evito di crearne di nuovi.

Inoltre lo sport praticato con consapevolezza ti fa evolvere anche a livello mentale e interiore.

Allungamenti e Respirazione

Allungamenti e Respirazione vanno di pari passo: muscoli corti portano ad un mal funzionamento del respiro; un mal funzionamento del respiro porta a rigidità muscolare, quindi uno non può essere scisso dall’altro.

Se vuoi esprimere il tuo massimo potenziale nello sport...

Se vuoi continuare a fare sport per tanti anni...

"Se vuoi devastarti con equilibrio :-)"...

allora diventa uno Sportivo Consapevole e inserisci il Buon Allungamento e il Respiro Naturale come parte integrante fondamentale del tuo allenamento!

Per completezza, ci sarebbe anche l’aspetto alimentare da trattare, perché influisce sia su allenamento che allungamento che respirazione ma di questo ne parliamo un’altra volta.

A questo punto ti starai chiedendo:
come posso iniziare a praticare Allungamenti e Respirazione nel modo corretto?

La risposta la trovi a questo link: https://www.allungatierespira.com/dojo

Alla prossima
Cristian

Enjoy Your Life! 

Inizia subito a portare Equilibrio fisico e interiore con le pratiche di Allungati e Respira.
Scarica le guide gratuite!

RICEVI GRATIS LE 3 GUIDE
Cristian

Cristian Paganoni

Ideatore e insegnante di Allungati e Respira, metodo pratico col quale aiuta le persone a stare bene in modo semplice. Sbloccando il corpo dalle tensioni, riportando il respiro al suo stato naturale e aumentando la consapevolezza per trovare il proprio equilibrio personale a 360°.

Cristian

Per approfondire

Per la versione approfondita di questa pratica e per altre pratiche ti consiglio il mio libro "Allungati e Respira per un Respiro libero e consapevole":
https://allungatierespira.com/libro

Leggi anche:

Lo sportivo consapevole

Quante schiene Curve

LA REALTÀ NON È QUELLA CHE SEMBRA